La nostra storia

L'azienda 

L'azienda Poggio La Noce è stata creata nel 2000 da Claire Beliard ed Enzo Schiano che dopo esperienze lavorative all'estero hanno acquistato la proprietà nel 1999, fondando l'anno successivo l'azienda agricola per seguire una loro grande passione, il vino.

La proprietà si estende su 16 ettari nelle colline di Fiesole, alle porte di Firenze. Due ettari e mezzo sono piantati a vigneto, nella zona dove il suolo sassoso e l'esposizione permettono la migliore maturazione delle uve, in particolare del Sangiovese. Altri tre ettari sono piantati ad oliveto ed il resto è coperto da bosco.

Dalla prima vigna di mezzo ettaro piantata al loro arrivo agli inizi degli anni duemila si ha la produzione del primo vino, Gigiò, il cui nome è un omaggio ad un compagno di scuola di Enzo. Nel corso degli anni, la superficie vitata e aumentata fino ai due ettari e mezzo attuali, impiantati principalmente con uva Sangiovese e una piccola parte di Canaiolo e Colorino. Cosi, al Gigiò, si sono aggiunti gli altri tre vini della nostra gamma, Gigino e Gigetto, due diverse interpretazioni di Sangiovese e Pinko Pallino il nostro rosato.

Claire ed Enzo hanno fin dall'inizio scelto di non utilizzare alcun prodotto chimico nella propria azienda e dal 2006 Poggio La Noce ha ricevuto la certificazione biologica che riguarda tutta la produzione aziendale, dalla vigna all'oliveto.

Uno degli ultimi progetti di Enzo e Claire riguarda un vino bianco che ha una storia tutta particolare: come segno di unione tra le radici di Enzo, campane, e la Toscana dove adesso vivono, Enzo e Claire hanno individuato un vigneto di Falanghina nella zona dei Campi Flegrei di proprietà di una coppia di amici che hanno scelto di coltivare e vinificare insieme per dare vita al Bajà, Falanghina in purezza affinata in acciaio.

Filosofia

Il nostro lavoro inizia nella vigna, dove curiamo manualmente e singolarmente ciascuna pianta. Fin da subito abbiamo impostato il nostro progetto seguendo il metodo biologico, utilizzando la pratica del sovescio in vigna, seguendo le fasi lunari per le pratiche in cantina, e fermentando rigorosamente con lieviti indigeni.

Durante la vendemmia, fatta rigorosamente a mano, l'uva viene raccolta in piccole cassette e trasportata in cantina dove i chicchi vengono selezionati manualmente sui banchi di cernita in due passaggi. Entrerà nelle cisterne di fermentazione soltanto l'uva migliore. 

Le persone

I coniugi Enzo Schiano e Claire Beliard sono i proprietari dell'azienda Poggio la Noce e insieme condividono la passione per il vino e questo territorio.

Roberto Corti, Manager dell'azienda, ha studiato agronomia all'università di Firenze e gestisce tutto il lavoro relativo al vigneto e alla cantina, e contribuisce allo sviluppo dei vini con Enzo e Claire.

Ludovica Del Carlo, dopo una lunga esperienza nella ristorazione fiorentina e nel vino, decide di dedicarsi al progetto di Poggio La Noce dove si occupa delle vendite e del marketing.

Il nostro team di consulenti comprende Valentino Ciarla, il nostro tecnico ed enologo, Stefano Dini e Gianluca Grassi, i nostri consulenti agronomi.

Tutto questo sotto l'attentissima tutela di Marcellino, il nostro adoratissimo pastore maremmano.